Psicologa Professione Sanitaria? Sì, ma non troppo

Condividi

Quasi 2 anni e mezzo fa scrivevo contenta che la professione di psicologa era diventata sanitaria (puoi leggere qui il mio post di allora).

In realtà – come puoi notare – di tempo ne è passato molto e ancora mancano dei tasselli, nonostante sia Wikipedia (https://it.wikipedia.org/wiki/Professioni_sanitarie_in_Italia) che il Ministero della Salute ci indichino già a pieno titolo professione sanitaria.

Psicologo professione sanitaria

L’Istat invece – come scrivevo qui già nel luglio del 2013 – ci esclude da questa lista, riconoscendoci però (e ci mancherebbe!) come Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione ma non specialisti della salute 🙁

Il ddl Lorenzin (Atto del Senato n. 1324) è ancora in discussione alla Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato e il testo già approvato in data 26 aprile 2016 presenta interessanti novità per la nostra professione.

La più importante è che saremo realmente una professione sanitaria

Esattamente come medici, farmacisti, infermieri, ecc

L’art. 4 infatti – che prevede una premessa alla legge 56/89 – cita:

“4. All’articolo 1 della legge 18 febbraio 1989, n. 56, è premesso il seguente: «Art. 01. – (Categoria professionale degli psicologi) — 1. La professione di psicologo di cui alla presente legge è ricompresa tra le professioni sanitarie di cui al decreto legislativo del capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233».”

FINALMENTE!

Fonte: leggotutto.wordpress.com

Credits: leggotutto.wordpress.com

L’articolo 4, comma 1 “certifica” il passaggio definitivo dal Ministero della Giustizia al Ministero della Salute che dovrebbe vigilare – appena la legge sarà approvata e entrata in vigore – su tutto ciò che riguarda la professione di psicologo. Con un passo indietro perchè ogni riferimento presente nella legge 56/89 andrà rettificato

Altre modifiche interessanti riguardano le elezioni per il rinnovo dei consigli regionali.

Allineamento scadenza di tutti gli ordini regionali

In base alla proposta di modifica dell’art. 20, comma 1 della legge 56/89 tutti i consigli degli ordini regionali scadranno nello stesso momento, cioè nel terzo quadrimestre dell’anno di scadenza.

Ma l’ultimo ad essere stato rinnovato è il Consiglio dell’Ordine Calabria (dicembre 2015) che scadrà quindi a dicembre 2019. Questo significa che – se la legge sarà approvata con questa modifica – tutti gli altri ordini regionali scadranno con una proroga di quasi due anni (ora scadrebbero a gennaio 2018).

Meno probabile che sia anticipato il rinnovo dell’unico ordine “ritardatario”.

Buona o cattiva notizia? Dipende dall’Ordine che ti ritrovi 🙂

Se è un Ordine governato da AltraPsicologia sono sicura che faresti i salti di gioia, un pò meno se sei iscritto/a in un Ordine la cui maggioranza non ama trasparenza (es. Sicilia dove ancora mancano le delibere sul sito o 4 consigliere si dimettono per dubbi sulla gestione economica dell’ente), chiede ai consiglieri di non intervenire pubblicamente in convegni o altro dicendo di essere consiglieri di questo gruppo o di quell’altro (Abruzzo) o permette ai consiglieri di minoranza di proporre punti in odg salvo poi decidere (la maggioranza) se accettarli o meno.

Meno colleghi per raggiungere il quorum

Si passa da 1/3 a 1/4 in prima convocazione e da 1/6 a 1/10 in seconda convocazione.

Cosa che dovrebbe – teoricamente – permette un rinnovo più rapido ma favorirebbe (manco a dirlo) un maggiore lassismo e deresponsabilizzazione. Nelle scorse elezioni lo spauracchio del quorum non raggiunto ha spinto molti colleghi a fare lo sforzo di andare a votare, così temo che avremo l’effetto contrario.

Più giorni per votare

Quorum più basso ma più date disponibili per il voto, opzione che andrebbe ad aumentare la possibilità di partecipazione degli iscritti e iscritte alle votazioni del proprio consiglio regionale.

Mi viene da pensare che questo non sia sufficiente, ma sia necessario invece lavorare molto prima della scadenza per motivare e incuriosire i colleghi rispetto alla politica professionale (AltraPsicologia in questo, sin dalla sua nascita nel 2005, è un faro) e alla possibilità di SCEGLIERE chi ci rappresenta e l’Ordine che si vuole avere.

Intanto se sei nel Lazio possiamo incontrarci all’incontro di AP/DP del prossimo 12 maggio.

Per iscriverti puoi compilare il modulo che trovi qui —>http://www.diventarepsicologo.com/events/diventare-psicologo-a-roma/


 [grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=B2iqb&webforms_id=5012201″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]


Newsletter Gratis
Aggiornamenti direttamente nella tua email principale
Rispettiamo la tua privacy.
Puoi cancellarti con un click.
Dr. Paola Biondi
Dr. Paola Biondi
Psicologa Psicoterapeuta | LGBT Specialist | Blogger | Consigliera CIG Enpap | Consigliera Segretaria Ordine Psicologi Lazio | Appassionata di fotografia, il mio habitat naturale è il bosco, ma lì non c'è wifi :)
Show Buttons
Hide Buttons